"Non sono nessuno. Non appartengo a una nazione, non appartengo a una religione, non appartengo a un partito politico. Sono solo un individuo, creato in questo modo dall'esistenza. Mi sono tenuto assolutamente estraneo all'influenza di qualche ideologia stupida, che sia religiosa, politica, sociale o finanziaria. E il miracolo è che proprio perché i miei occhi non sono gravati da tutti questi occhiali, e non ci sono veli davanti a me, posso vedere con chiarezza. Io non sono affatto timorato di Dio"

Osho
...continua Osho:


"La paura non può condurre nessuno a Dio. Solo una totale assenza di paura ti può condurre a lui. Né sono un credente, da nessun punto di vista. Credere è di per sé cecità. Come può la cecità condurci alla realtà suprema? E non sono neppure un seguace di una qualsiasi religione, perché la religione non può essere racchiusa in categorie, come fossero compartimenti stagni. E' una ed è indivisibile. Ieri, quando ho affermato queste cose, una persona mi ha chiesto: "Allora sei ateo?", non sono ateo, né sono teista. Queste distinzioni sono superficiali, semplici giochi da intellettuali. Non hanno assolutamente nulla a che vedere con l'esistenza.. L'esistenza non è divisa in "ciò che è" e ciò che non è": queste distinzioni sono opera della mente. Di conseguenza, sia l'ateismo che il teismo sono prodotti della mente, non toccano affatto il regno dello spirito. Lo spirito trascende entrambe le cose, il positivo e il negativo. Ciò che è, dimora oltre il positivo e il negativo. In altre parole, essi sono un'unica entità, e non sono divisi da alcuna linea di demarcazione. Nessun concetto accettato dall'intelletto può toccare quella dimensione. In verità, il teista deve liberarsi dalla sua fede, e l'ateo dalla sua mancanza di fede. Solo allora possono entrare nella dimensione del vero. Entrambe le idee sono ossessioni dell'intelletto. E ogni ossessione è un'imposizione. Non ci è richiesto di decidere cosa sia la verità, dobbiamo semplicemente aprirci e vedere la verità, così com'è. Ricorda che non dobbiamo decidere nulla, per ciò che concerne il vero, dobbiamo solo vederla. Colui che lascia cadere ogni supposizione dell'intelletto,ogni concezione logica, ogni ossessione e presupposto della mente, si apre alla verità, come i fiori si aprono alla luce. Ed è in questo aprirsi che diventa possibile la visione. Pertanto, io chiamo religioso colui che non è teista né è ateo. La religiosità è un salto dalla nozione di dualità, all'unità. Là dove non vi è pensiero, ma solo assenza di pensiero; là dove non vi è scelta, ma solo assenza di scelta; dove non vi sono parole, ma totale assenza di parole, là si entra nella sfera della religione."

Tratto da: "Semi di Saggezza - Osho (Rajneesh)".

Argomenti

  • Osho Rajneesh

    L'Astrologia: La Scienza dell'Unità Cosmica.

  • Osho Rajneesh

    L'Astrologia: Una Soglia sulla Religiosità


2000-2017 Mediatica S.r.l. - Tutti i diritti riservati